Passione e competenza: queste le caratteristiche principali dei professionisti che fanno parte del nostro team. Abbiamo conosciuto meglio Gilberto Pastorella, il nostro Growth&Product Manager.

 

“Sono nato e cresciuto a Milano, dove ho frequentato il Liceo Scientifico Bilingue. Provengo da una famiglia con una duplice vocazione: lo sport e l’internazionalità, mia madre è interprete, mio padre un grande amante di tutti gli sport e ha lavorato, fra l’altro, per le Olimpiadi di Torino 2006. Sono cresciuto a pane e sport, praticandone davvero molti, dal calcio allo sci, dal beach volley al basket fino alla vela”.

 

Arriva poi il momento della scelta universitaria.

“Un momento per tutti molto delicato. Ricordo che nel mio liceo venne il professor Alfio Quarteroni (co-fondatore di Moxoff e Math&Sport) e ci parlò delle applicazioni che può avere la matematica: stava lavorando al progetto di Alinghi, sull’ottimizzazione dello scafo e delle performance della barca. Io, fra l’altro, ero già istruttore di vela e innamorato di questo sport: decido di andare a studiare matematica applicata. Dopo la laurea triennale, ho voluto approfondire le mie competenze gestionali e manageriali; sentivo di avere un’attitudine diversa, volevo imparare a gestire i progetti e a relazionarmi con i clienti: decido così di iscrivermi al Master Project&Innovation Management in Bocconi”.

 

E poi l’ingresso nel mondo del lavoro.

“Sono partito dal mondo della consulenza, ma presto ho deciso di seguire il cuore e ho pensato di applicare le mie competenze informatiche e analitiche in ambito della vela agonistica. Mi trasferisco così in Spagna presso uno dei poli dell’industria nautica mondiale, lavorando a stretto contatto con alcuni top team, a terra e a bordo: ho persino attraversato l’oceano Atlantico quattro volte”.

 

Cosa ti ha riportato a terra.

“Le nuove sfide tecnologiche e lavorative: la curiosità mi ha sempre portato a seguire nuove strade. Ho sposato immediatamente il progetto di Math&Sport: un team giovane e agile, tecnologie all’avanguardia, sport, analisi dati in tempo reale. Una realtà dove mettere in campo le mie competenze di campo e di studi ma anche imparare ogni giorno dai miei interlocutori, ed una grande sfida: portare il mondo degli sport di squadra ad un nuovo livello di analisi”.

 

Che cosa fai in Math&Sport?

Mi occupo dello sviluppo strategico del business: cerco di essere l’anello di congiunzione fra i nostri clienti e l’innovazione. Con il team tecnico lavoriamo per sviluppare il prodotto, con i clienti mi occupo della comprensione e valorizzazione delle potenzialità, mentre con i partner, potenziali ed esistenti, l’obiettivo è porre le basi per nuove opportunità”.

 

Qual è stato il più bel momento vissuto in Math&Sport?

Il più bel momento è oggi. O forse domani. Ogni momento in cui mi accorgo che il team ha accettato la sfida di sviluppare qualcosa di unico, e gli utilizzatori finali ne apprezzano il risultato.”.

 

E se guardiamo al futuro, la più grande sfida che verrà?

“Mantenere forte il legame con il campo anche quando saremo un team più grande: la nostra crescita non ci deve snaturare, dobbiamo preservare l’unicità della storia di Math&Sport. Essere riusciti a portare il Virtual Coach, è un sogno realizzato, ora mi piacerebbe essere presenti ai prossimi Mondiali di Calcio”.

 

Come spiegheresti a un tifoso di calcio i dati che Math&Sport analizza?

I dati non sono un mondo astratto né lontano dal campo, anzi. Guardare le partite con qualche dato in più permette di avvicinarsi e comprendere meglio lo sport che si ama: ti fa sentire a bordocampo”.

 

Math&Sport, una startup che spesso si confronta con player mondiali del mondo dello sport. Qual è il segreto?

Siamo per natura una realtà veloce, agile e attenta: rispondiamo rapidamente alle esigenze dei nostri clienti attraverso progetti di customizzazione. Ho grande fiducia nel valore del nostro team e nei prodotti che realizziamo e ciò mi porta a relazionarmi con sicurezza anche con i grandi stakeholder dello sport. Credo che il segreto sia la fiducia nei legami che si creano con le persone.