CHI SIAMO

La matematica nella realtà è ovunque ed è applicata praticamente in ogni campo, dal settore medico a quello industriale. Big Data e Smart Data sono concetti chiave dell’industria 4.0, dove sono utilizzati per monitorare e rendere efficace l’andamento aziendale. Ma cosa succederebbe se la matematica venisse applicata al mondo sportivo?

La matematica applicata allo sport

Lo sport è un fenomeno complesso e soggetto a molteplici variabili: applicare la matematica in questo settore può fare la differenza, proprio perché è ideale per indagare fenomeni così complessi. Nella società di oggi viene generata spesso un’enorme quantità di dati (i Big Data), spesso a basso costo. E’ dunque facile accedervi. La vera sfida è capire che questi dati costituiscono una ricchezza e un valore se si hanno le competenze e gli strumenti per estrarne le giuste informazioni. Lo sport è il settore per eccellenza in cui competizione e ottimizzazione della performance sono ritenuti obiettivi primari. Gli algoritmi aiutano a ricavare dai dati le informazioni ‘intelligenti’, di valore, che aiutano a ottimizzare i fenomeni complessi che sono oggetto di analisi. Grazie alla matematica applicata allo sport, è possibile avere a disposizione dati ricchi di valore e di informazioni quando e dove sono necessari, segnando il passaggio dai Big Data agli Smart Data. Ecco allora che questi ‘dati intelligenti’ ricavati dalla matematica applicata allo sport portano a realizzare l’obiettivo fondamentale per gli sportivi: l’ottimizzazione della performance. È ciò che mette in atto ogni giorno Math&Sport, startup innovativa nata nel 2016 e incubata da PoliHub. Ispiratore e promotore è il matematico Alfio Quarteroni, da anni impegnato nell’applicazione di modelli matematici in vari campi, fra i quali lo sport.

Mission: ottimizzare la performance

Math&Sport nasce con l’obiettivo di applicare avanzati modelli matematici e algoritmi di machine learning allo sport. Fondatore e CEO è l’ing. Ottavio Crivaro, con alle spalle una lunga esperienza di applicazione matematica in campo industriale. La missione di Math&Sport è precisa: ottimizzare le performance, supportando atleti e allenatori nella loro strategia di gioco e nell’ottimizzazione del gesto attraverso avanzati algoritmi di Intelligenza Artificiale.

Ottimizzazione del gesto e della strategia

L’ottimizzazione del gesto è fondamentale per Math&Sport, poiché permette di valorizzare al massimo il singolo talento. Grazie alla data science e a sofisticati algoritmi di Intelligenza Artificiale, è possibile individuare tutti i comportamenti e le cause che generano un determinato gesto per quell’atleta specifico, valorizzandone dunque il talento. Algoritmi e modelli matematici diventano centrali anche per la strategia di gioco delle squadre: gli allenatori hanno la possibilità di comprendere in modo più efficace quale tattica seguire per contrastare la squadra avversaria e arrivare alla vittoria. Pallavolo, golf, tennis, calcio ma anche atletica e tiro con l’arco: Math&Sport affianca atleti e allenatori negli sport individuali e di squadra nel loro cammino verso la realizzazione del sogno.

I grandi nomi dello sport

Math&Sport ha all’attivo collaborazioni con grandi nomi: Andrea Giani,  pallavolista e allenatore, ha scelto la startup fin da quando ha guidato la Slovenia alla medaglia d’argento all’Europeo nel 2015; Davide Mazzanti, Commissario Tecnico della Nazionale italiana di pallavolo femminile, vincitrice dell’argento agli ultimi Mondiali del 2018; Mauro Berruto, attualmente Direttore Tecnico della Federazione Italiana Tiro con l’Arco; ma è anche al fianco del CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) e dei tecnici del Centro Tecnico Federale di Coverciano per  l’erogazione dei corsi di formazione per i match analyst delle principali squadre di calcio di serie A e di  serie B.

Alla ricerca delle cause

C’è una particolarità che rende Math&Sport innovativa nel contesto italiano: il fatto di ricercare le cause di un determinato effetto. È quello che in matematica prende il nome di ‘Risoluzione del problema inverso’. Oggi il mondo dello sport ha a disposizione un’enorme quantità di dati che però si limitano a descrivere l’evento sportivo, senza ricercarne le cause. La sfida di Math&Sport è di cercare nei dati le cause scatenanti di un gesto e di un’azione. Ecco allora che sono estratte le informazioni importanti, ‘intelligenti’: gli Smart Data scendono in panchina al fianco dello staff tecnico e degli atleti per migliorare strategie e prestazioni individuali. L’unione tra modellistica matematica, calcolo scientifico e Machine Learning permette così la trasformazione dei Big Data in Smart Data per valorizzare i talenti di atleti e allenatori. Le nuove sfide? Il calcio in 5G e supportare atleti e allenatori per le Olimpiadi di Tokyo 2020!

BOARD

ADVISOR