M&S E ITALVOLLEY FEMMINILE STACCANO IL PASS PER TOKYO 2020

Fondamentale il lavoro dello staff tecnico della nazionale e quello di Math&Sport, dalla preparazione delle gare alla gestione dei dati in “real-time” durante le partite

Davide Mazzanti (Allenatore Nazionale Italiana Volley): “Lo staff di Math&Sport mi ha supportato nel percorso verso questa Qualificazione Olimpica. Stiamo sperimentando e mettendo in campo idee per spostare il nostro limite sempre più avanti. Ho chiesto agli specialisti di Math&Sport di essere con noi anche durante la tappa di Catania perché la vera sfida è oggi usare al meglio i dati in tempo reale!”

Ottavio Crivaro (CEO Math&Sport): “Lavorare con Davide e il suo staff è sempre molto stimolante e gratificante, da un punto di vista sia tecnico sia umano. Da quest’anno abbiamo deciso insieme di spostare tutta l’attenzione sul real-time. Al di là di quanto sviluppato in laboratorio, abbiamo poi dedicato un’attenzione particolare all’integrazione dei diversi tool, sia in allenamento, sia in partita. E il risultato era tutt’altro che scontato. Per questo siamo doppiamente soddisfatti”.

Queste sono le parole di Davide Mazzanti, CT della Nazionale Italiana di Pallavolo, e Ottavio Crivaro, CEO di Math& Sport , dopo il pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020 conquistato dalle azzurre del volley al termine del torneo giocato a Catania tra il 2 e 4 agosto scorsi. Un triplo 3-0 contro Kenya, Belgio e Olanda che ha regalato a Chirichella e compagne e all’Italia intera l’accesso al sogno a cinque cerchi.

Una grandissima prestazione delle atlete in campo ma anche un’attenta preparazione del torneo da parte dello staff tecnico insieme al team di Math&Sport. Mesi di raccolta dati, analisi ed elaborazioni per fornire a coach Mazzanti i dati di performance di ogni singola atleta, sia azzurra sia avversaria, oltre alla preparazione tattica delle tre partite giocate. A tutto ciò si aggiunge il miglioramento della gestione delle informazione e la trasmissione dei dati alla panchina che nella tappa siciliana è stata in real-time. Gli algoritmi di Math&Sport analizzavano i dati in tempo reale e trasmettevano gli alert con notifiche push e indicazioni tattiche sul tablet a disposizione di Davide Mazzanti.

Dopo aver testato il tutto durante le gare di VNL, nel torneo di qualificazione olimpica sono stati utilizzati per la prima volta anche dei nuovi indicatori di performance in grado di monitorare l’impatto reale di ogni fondamentale (battuta, ricezione, palleggio, attacco, muro, difesa) compiuto da ogni atleta nella capacità della squadra di far punto. In questo modo, lo staff tecnico in panchina ha potuto misurare in modo continuo la performance e l’influenza nel gioco di squadra sia delle proprie atlete che delle avversarie. Una vera e propria telemetria, come avviene in Formula 1 per il monitoraggio dei singoli componenti delle vetture.

È questo un modo completamente nuovo di leggere la partita. Come negli anni ’90 ci fu la “rivoluzione” con l’introduzione delle statistiche in grado di meglio descrivere ciò che succedeva sul campo , oggi è in atto un altro importante passo in avanti: si utilizzano i dati non solo per descrivere ma per interpretare ciò che sta succedendo. Così come è importante sapere che una certa atleta sta giocando col 35% di positività in attacco o ricezione, oggi è possibile capire quanto incide il singolo gesto (quindi il singolo attacco o la singola ricezione) nella probabilità della propria squadra di arrivare al punto. A questo proposito, vengono utilizzati modelli matematici e algoritmi di calcolo tanto veloci quanto affidabili nel macinare l’enorme mole di dati adisposizione dei tecnici.

Gli specialisti di Math&Sport nella tappa di Catania hanno portato questi algoritmi sul campo, supportando Davide Mazzanti e lo staff tecnico sia durante le gare in tempo reale sia durante la fase di preparazione tra una gara e l’altra. Il raggiungimento dell’obiettivo olimpico così come l’integrazione dei due staff rendono questo progetto con la Nazionale Italiana di Pallavolo un totale successo.

Adesso inizia un nuovo percorso , c on tanti e importanti obiettivi ancora da raggiungere, sia in campo sia in laboratorio, dove già si lavora a nuovi modelli matematici e sistemi di previsione. Prossimo appuntamento i Campionati Europei e poi in cammino verso Tokyo 2020.